Il primo giorno "Dio disse: Che la luce sia. E la luce fu." Il noto versetto del Genesi pone subito una questione di metodo suscettibile di trasformarsi in un problema sia di natura teologica che cosmologica. Un primo interrogativo Ŕ se la luce preesista alla creazione. Il Sepher ha Zohar non ha dubbi in proposito, ritenendo la luce, giÓ esistente, fonte di un segreto indicato dalla gimatreya dei nomi "luce" e "segreto" aventi lo stesso valore numerico. A questo segreto si allude allorchÚ Ŕ detto, nella sezione Preliminari dello Zohar, che una fiamma oscura, troppo oscura per essere vista, zampilla dall'infinito.
Si tratta di En-Soph-Or luce infinita che non si lascia vedere. Da questa infinita pagina oscura e velata come notte profonda si leva improvviso un minuscolo punto di luce.
Una metafora, accessibile all'esperienza comune, per descrivere questo "fremito" dell'Infinito Ŕ la fiamma che sale da una brace o da una candela che brucia. Nella fiamma che sale si notano due luci, la prima bianca e brillante, l'altra, pi¨ in basso, nera e che serve da "trono di gloria" alla luce bianca. Le due luci sono indissolubilmente legate. Il Sepher Yetzirah, forse il pi¨ antico testo ispirato alla Qabalah, presenta in proposito un'immagine che ebbe molta fortuna nelle speculazioni dei primi cabalisti storici. Si tratta delle fiamme che divampano alimentate dal carbone ardente. Tali fiamme sono le luci o sephiroth che si diffondono a partire dal primo punto di luce distintosi nella "nerezza" del carbone. Quel punto Ŕ la corona dalla quale ben presto si estendono altre nove luci. Quel punto di luce, adombrato dalla luce infinita e per noi oscura, Ŕ il primo dei dieci "Dio disse" del Genesi ed Ŕ anche il primo istante della creazione...

 

I F:. della Loggia hanno elaborato, nel corso degli anni, moltissime "Tavole da disegno" sulla Luce; hanno commentato i passi del Genesi pi¨ ricchi di simbolismo; in diverse chiavi hanno letto la parola "Or" Luce; hanno indagato la parola ╔loh´m, l'Albero della Conoscenza del Bene e del Male e quello della Vita, il significato della parola "Gan" (giardino)...

Parte delle loro opere d'ingegno sono state raccolte nella sezione Tavole Architettoniche e nella sezione di Qabalah.

 

Gli Argomenti Il Genesi Lo Shir ha-Shirim L'Astrologia La Qabalah

  Le Sephiroth Le Scuole di Qabalah L'Alchimia