Il tuo browser non supporta il tag embed per questo motivo non senti alcuna musica

 

 Italiane del XVIII e XIX Secolo

 

Le composizioni che seguono sono tratte dai testi d'autore ignoto divulgati da Carlo Sperandio nell'Appendice alla "Storia della Massoneria" di F. T. e B. Clavel, nonchÚ da alcuni "canti" del noto abate e poeta d'origine calabrese Antonio Jerocades (1738-1805), pubblicati nella raccolta denominata "Lira Focense".
Le prime quattro "canzonette" sarebbero state recitate il 21 gennaio 1750 dai membri della loggia napoletana "La Concordia", una delle officine del celebre Raimondo de' Sangro, principe di Sansevero, in occasione della visita di un esponente della libera muratoria inglese, un certo Tolvach. Le altre melodie avrebbero, invece, allietate le "agapi" dei massoni partenopei con i Fratelli d'oltralpe, organizzate a bordo delle navi francesi dell'ammiraglio Latouche-TrÚville, tra il dicembre 1792 e il gennaio 1793, alla fonda nel porto di Napoli.
Tali liriche dimostrano che, nel corso del sec. XVIII, conviveva, in parallelo ad una produzione musicale massonica di tipo sacrale (basti pensare alle composizioni di Rameau, Bode, Haydn, Christian Bach, Mozart, Cherubini, MÚhul, Beethoven, ecc.), una musica con caratteristiche "popolari": inni, marchette, ballate, e cosý via, utilizzati nel corso di banchetti, intrattenimenti di ospiti forestieri, riunioni "bianche" (con la partecipazione di estranei alla comunione massonica).
La pratica tradizionale della musica e del canto conferma come essa s'affiancasse al rituale "parlato" per integrarlo, per rendere pi¨ intelligibile il significato simbolico dei "lavori" latomistici e per accrescere la partecipazione della catena umana alla solennitÓ del Rito, nel luogo sacro (il Tempio). D'altronde l'importanza della "arte dei suoni", vocali e strumentali, Ŕ ben nota a tutte le manifestazioni umane: religiose, politiche, militari, ecc.
Che un costume musicale con un'impronta "popolare" giÓ esistesse, in Europa, in altre istituzioni massoniche Ŕ attestato dall'ormai rarissima edizione de "La Lire Mašonne, au Recueil de Chansons des Francs-Mašons" (1 a ed.: 1757; 2a ed.: 1776; 3a ed.: 1787), la cui terza edizione, riveduta, corretta ed ampliata dai Fratelli De Vignoles e Du Bois, fu pubblicata dal libraio R. van Laak dell'Aia. Ci˛ dimostra una piattaforma unitaria nei contenuti e nell'operativitÓ, sui quali si muoveva l'intera massoneria del vecchio continente fin dalla prima metÓ del Settecento.
Le "canzonette" dei massoni meridionali attestano che il messaggio spirituale ed etico-sociale dell'Istituto era traslato, attraverso un adeguato linguaggio speculativo, anche, in ambito profano.
Non vi Ú dubbio che la produzione musicale di cui sopra sia nata dal genere esclusivamente letterario denominato vaudeville, sviluppatasi alla fine del sec. XVII, dove i poeti scrivevano versi da adattare, in seguito, a melodie giÓ famose: motivi popolari o arie tratte da opere liriche in voga.


Non avendo pi¨ riferimenti con le musiche dell'epoca - che servivano da supporto a queste composizioni poetiche -, la "nota corrispondente alla melodia del verso" Ŕ stata realizzata dal maestro Enzo Samaritani.
Il suo merito Ŕ stato quello di aver costruito all'interno di liriche giÓ destinate alla "archeologia storica" una struttura musicale melodica naturale di notevole efficacia che si rivela adattissima ad essere cantata in coro, a m˛ di inno, anche oggi.
Questo recupero in musica di versi risalenti a pi¨ di due secoli fa documenta, in maniera straordinaria, che certi "messaggi", malgrado la vetustÓ, sono ancora attualissimi.
Ruggiero di Castiglione


Le Musiche e la esecuzione cantata
Normalmente un musicista applica alla poesia la "sua" musica ed in qualche modo asserve la parola alla necessitÓ che la "sua" melodia e l'armonia propongono.
Nel mio caso la ricerca di oltre vent'anni di lavoro mi ha portato a tradurre in nota, attraverso un'ideale pentagramma triplo, il suono fonetico e quello onomatopeico nonchÚ metrico, la melodia che ogni verso propone.
La "sua" nota naturale corrispondente quindi, si determina dall'incontro dei suoni e dei sentimenti che il verso offre, lasciando libera detta composizione da ogni profanazione.
I risultati a volte sono esaltanti altre volte elementari, ci˛ dipende dalla ricchezza della tensione che si crea nel rapporto parola-sentimento o dalla semplicitÓ che il poeta ha voluto determinare.
Questi versi non hanno perci˛ subito abbellimenti o modifiche in segno di rispetto verso i poeti che li hanno composti.
Enzo Samaritani

Quantunque si fossero consultate diverse fonti, non avevamo mai trovato una canzone massonica in lingua italiana (eccettuate alcune traduzioni di inni inglesi, adattate sulla musica originale).
Abbiamo per˛ scoperto, di recente, una canzone nella nostra lingua a p. 207 del lavoro di Bazot "Morale della Franco-Massoneria" dove Ŕ contenuto il testo e la sua traduzione (in lingua francese) nonchÚ alcune notizie circa la sua realizzazione avvenuta a San Giovanni d'inverno del 1819 per conto del Grande Oriente di Francia.

Un altra cantata in Lingua Italiana Ŕ quella di Vincenzo Monti, eseguita per l'inaugurazione della Loggia "Reale Eugenio" all'Oriente di Milano (5 Ottobre 1805)