Traduci il Documento

 

 

Rivista Massonica - N. 9 - Novembre 1977 - Vol. LXVIII - XII della nuova serie

(Continuazione degli articoli apparsi su R.M. 1977 n. 3, pp. 153-160, n. 4, pp. 215-237, n. 7, pp. 399-424)

LA Liguria

La Rivoluzione francese sconvolse tutto l'ordinamento del governo genovese ed invano la Repubblica cerc di mantenersi neutrale durante la guerra fra la Francia e la coalizione Austro- Piemontese. Invano, perch per i piani francesi era vitale il controllo di questo piccolo, ma potente stato, che poteva fornire un facile accesso al territorio italiano (e viceversa a quello francese), che disponeva dell'importante porto di Genova, con possibilit di eventuali sbarchi nemici e che, non in ultimo luogo, disponeva di risorse capaci di riempire i forzieri, disastrosamente vuoti, del Tesoro francese.

Gi nel 1792 i Francesi avevano occupato Nizza e la Savoia e, nel 1794, vi era stata una incursione sulle coste liguri, mentre nel novembre 1795 il generale (massone) Schrer avanz lungo la Riviera per un centinaio di chilometri, riportando la vittoria di Loano sugli Austro-Piemontesi.

Inoltre, all'epoca, Genova era indebolita da lotte intestine. L'oligarchia era in mano degli Spinola e dei Pallavicino, ma molte famiglie patrizie erano all'opposizione e, di conseguenza, non sapevano far di meglio che ostentare le loro simpatie verso la Francia. Infatti, Genova era diventata la piattaforma per la propaganda francese, sostenuta da abili ambasciatori come il Tilly, il (massone) Faypoult e soprattutto dal ministro (massone) Cacault, il quale nel 1792 era stato ministro presso la Corte napoletana.

Non perci sorprendente che, malgrado la disapprovazione ufficiale del governo, Genova fosse diventata un centro per tutti i Giacobini profughi dai vari stati italiani. E, dobbiamo ammetterlo, all'epoca era spesso difficile vedere una netta distinzione fra i Clubs dei Giacobini e le Logge massoniche. Molto attivi erano vari profughi napoletani, fuggiti dopo il processo del 1794, che aveva visto il supplizio di Vincenzo Vitaliani (massone) ed altri. In Liguria si erano cos congregati: il fratello di quest'ultimo, Andrea, il Cosentino Franco Salfi (dall'amico e Fratello Cacault nominato attach del Consolato francese), Antonio Bussi, Pellissier, Bonafous, Antonio Abamonte ed altri, mentre dalla Francia aiutava l'inflessibile Filippo Buonarroti. Tutti lavoravano instancabilmente per favorire l'intervento delle truppe francesi ed il Vitaliani fece ad esempio varie missioni rischiosissime in territorio piemontese, per preparare i patrioti di Acqui, Alba e, addirittura, di Torino.

A questo punto ci si potrebbe chiedere se tutta questa collusione con una potenza estera non costituiva un tradimento della patria, e perci in contrasto con un Landmark massonico. Non dobbiamo, per, dimenticare che nella penisola - all'epoca ancora una conglomerazione di stati diversi - i progressisti, spesso Massoni e generalmente appartenenti alla media borghesia, erano relativamente pochi. A differenza di oggi essi non potevano presentare le loro idee rivoluzionarie alla massa del popolo, analfabeta, incapace di esprimere opinioni ragionate ed obbediente soltanto agli istinti che spesso esplosero in manifestazioni rabbiose ed imprevedibili. Generalmente i proclami dei Patrioti erano quindi rivolti ai governanti stessi, dai quali non era, per, da aspettarsi un consenso. Di conseguenza, gli idealisti rivoluzionari vedevano come unica reale possibilit un radicale cambiamento per mezzo dell'intervento militare da parte della Francia, dove la Rivoluzione del 1789 era stata appoggiata da un pi largo strato di popolazione, pi progredita di quella italiana, con minori differenze etniche e politiche.

Malgrado questa attivit frenetica da parte dei Massoni e di altri immigrati, non ci risulta che negli anni '90 del settecento, a Genova ci fossero delle vere e proprie Logge.

Il comando delle truppe francesi nella zona meridionale francese era in mano del generale (massone) Schrer, il quale fece per pochi progressi, a causa della cronica mancanza di danaro. Il 2 marzo 1796 il comando fa dato al ventisettenne corso Buonaparte (nato un anno dopo la rinuncia di Genova alla Corsica), il quale non chiese fondi, ma soltanto potere, aiutato dal suo Commissario Saliceti (anch'egli Massone), uno scaltro ed abile compatriota corso.

Gi il 28 marzo di quell'anno Napoleone era pronto per quello che, inizialmente, era inteso soltanto come un attacco diversivo all'esercito Austro-Piemontese e lanciava il famoso proclama alle sue truppe malnutrite, malvestite e maleducate, composte da solo 30.000 uomini:

Voi siete nudi e affamati... io voglio condurvi nelle pi fertili pianure del mondo. Vi troverete gloria, onore, ricchezza....

All'indomani l'abilissimo generale iniziava il suo vittorioso Blitzkrieg, scacciando l'esercito piemontese e mettendo in ginocchio l'Austria. Nel maggio 1796 fu occupata Milano e, nella scia delle truppe francesi, i Giacobini-Massoni, come il Salfi, Abamonti ed altri, entrarono in Lombardia, dove li abbiamo gi incontrati in un nostro precedente articolo (8, 9).

La Superba conserv la sua indipendenza dietro pagamento di forti somme di indennit, ma questa libert fu di breve durata ed il 6 giugno 1797, dopo vari tumulti ed il conseguente intervento militare francese, l'oligarchia capitol e fu proclamata la Repubblica Ligure, che naturalmente era virtualmente asservita allo Stato francese, come le altre Repubbliche sorelle dell'era napoleonica.

Ci sono indizi (3) sulla successiva creazione di una o pi Logge massoniche, ma a noi risulta nulla di documentato al riguardo. Ad ogni modo, se sono esistite, esse furono certamente proibite alcuni anni dopo, a causa della temporanea avanzata delle truppe alleate, durante la quale, a Genova, il generale (massone) Massena sub un duro assedio di 2 mesi, a cavallo fra 1799 e 1800.

Dopo la vittoria napoleonica di Marengo fu ricostituita la Repubblica Ligure (1802), sotto la rigorosa direzione del poco amato generale (massone) Djan e sotto la guida amministrativa del (massone) Saliceti. Capo di polizia fu il (massone) Antonio Maghella (che in seguito rivedremo nel Regno di Napoli del Murat).

Da quel momento (1802) la Massoneria non trov pi ostacoli e pot operare alla luce del giorno. Di conseguenza, il 1 marzo 1802 il G. Oriente di Francia eman una patente alla R:.L:. Fille de la Paix (5). Il primo Venerabile fu il Fr. Sebatier, seguito nel 1805 dal Fr. Cazac.

Il 12 aprile 1805 fu poi costituita la R:.L:. Les Vrais Amis de Napolon, in seno al 67 Rgiment de Ligne ou de Bataille, di stanza a Genova. Dai vari Calendriers del G. Oriente risulta (5) che il primo Venerabile fu il Fr. Raynaud (Chef de Bataillon), seguito, nel corso dell'anno 1807, dal Fr. Desblaches aide chirurgien-major), dal Fr. Querilhac (major) e, nel 1807/08, dal Fr. Challaye (procurateur-gnral). Sembra che verso la fine del 1807 il Reggimento abbia lasciato Genova e di conseguenza sia stata creata una omonima Loggia civile, la quale risulta aver ottenuto una Patente dal

G. Oriente in data 1 dicembre 1807, con il Fr. Challaye Venerabile. In quell'anno fu innestato sulla

Loggia anche un Capitolo del Rito Moderno (il Rito del G. Oriente di Francia).

Non disponiamo di piedilista di queste due Logge, ma dai pochi dati conosciuti traspare che esse furono di chiaro stampo francese, anche se Fratelli italiani erano ammessi. Nel 1805, l'anno in cui il territorio ligure fu incorporato nell'Impero francese, il G. Oriente di Francia ricevette una petizione per la costituzione di una nuova Loggia, con il titolo distintivo di Saint Napolon, la quale dimostra segni di essere stata una iniziativa italiana. La Patente fu concessa e registrata il 2 dicembre 1805 ed il documento fu spedito alla Loggia pi antica, cio alla R:.L:. La Fille de la Paix, con il compito di presentarlo ufficialmente alla nuova consorella. Abbiamo, per, trovato un curioso stampato, una specie di libro bianco (leggi nota bibliografica 3), nel quale la R:.L:. Fille de la Paix e la R:.L:. Les Vrais Amis de Napolon hanno spiegato perch la Costituzione per la R:.L:. St. Napolon non fu mai presentata.

Pare che la nascita della nuova Loggia non fosse gradita alla L. Fille de la Paix, che fece tentativi per arrivare ad una fusione, per cui fu costituita una Commissione con componenti delle due Logge Fille de la Paix e St. Napolon. La Commissione present una proposta per la creazione di una Loggia riunita, sotto il titolo di Fille de la Paix et St. Napolon runis, oppure, pi semplicemente: La Paix et Napolon. Alcuni dettagli riguardanti le preminenze e la distribuzione delle cariche non furono, per, ritenuti accettabili alla L. Fille de la Paix e di conseguenza, l'11 giugno 1806, il Venerabile Cazac scrisse una lettera, proponendo alcune modifiche, al Venerabile Pouyer della L. St. Napolon.

Furono appunto questi dettagli a far fallire i tentativi, a portare ad una rottura aperta ed una guerra massonica (cose che fortunatamente oggi non capitano pi, o quasi ...). In una lettera, indirizzata al G. Oriente, in data 28 ottobre 1806, la L. Fille de la Paix avanz delle insinuazioni che nella nuova Loggia vi fossero degli elementi poco raccomandabili, che in essa regnasse il caos e che si lavorava clandestinamente nei gradi superiori. Fu detto che, per tali ragioni, si era stimato meglio di non procedere all'installazione della L. St. Napolon.

Frattanto, la Fille de la Paix aveva trovato un alleato nella Loggia militare Les Vrais Amis de Napolon, che all'epoca aveva i seguenti ufficiali: Raynaud (Venerabile), Chossat (lS), Jacquement (2 S), Fournet (Segr.), Loutil, Desblaches SPR, Dufour, Ponthenier. Anche questa Loggia comunic col G. Oriente, in data 9 novembre 1806, confermando il giudizio della L. Fille de la Paix. Riportiamo qui la traduzione di una parte di quella lettera, che non ha bisogno di commento e che sembra confermare che la storia ha l'abitudine di ripetersi:

... Simili scene [di scandalo in seno alla L. St. Napolon, con pubblicit nel mondo profano] in tutti gli altri posti sarebbero state soltanto indecenti; ma in queste contrade esse sono di una pi grave conseguenza. Qui l'intolleranza esercita ancora il dispotismo pi assoluto sull'opinione pubblica; il nostro istituto l'oggetto principale del suo risentimento e suoi sospetti cadono su ogni nostra azione. Ardenti a perseguitarci, essi inventano ogni giorno le pi atroci calunnie... ... In questo Oriente dobbiamo rinunciare a qualsiasi speranza di successo e di gloria per l'Arte sublime che professiamo se, invece di usare i nostri vantaggi contro un nemico pericoloso, gli forniamo noi stessi i mezzi per attaccarci....

Siamo a conoscenza soltanto delle accuse da parte delle Logge Fille de la Paix e Les Vrais Amis de Napolon. Senza dubbio, per, la L. St. Napolon avr esposto il suo punto di vista, ed evidentemente con successo. Infatti, il 15 gennaio 1807, la L. Fille de la Paix ricevette una lettera dal suo rappresentante presso il G. Oriente Fr. Houel, il quale spiegava che il G. Oriente non aveva accolto le rimostranze e che riconfermava la disposizione di procedere alla presentazione della Costituzione.

Questo smacco fu, per, considerato troppo e, nella seduta del 15 gennaio 1807, la L. Fille de la Paix, che frattanto aveva perso 2 dei suoi membri in circostanze non meglio precisate (probabilmente essi erano andati alla L. St. Napolon), decise di sciogliersi e di fare domanda di entrare nella L. Les Vrais Amis de Napolon. La Costituzione per la L. St. Napolon fu restituita al G. Oriente e fu suggerito che quest'ultimo nominasse 7 membri di ciascuna delle Logge Fille de la Paix e St. Napolon per costituire un nucleo per una nuova Loggia riunita. Senza esito, per: la L. Fille de la Paix cess di esistere ed il 17 gennaio 1807 la L. Les Vrais Amis de Napolon accolse gli ex-componenti, fra i quali conosciamo i seguenti nomi: Cazac SPR (Ven.), Albert (1 S.), Bompois (2 S.), Armand (Orat.), Michel (Segr.). La L. Les Vrais Amis de Napolon indirizz un ultima lettera di rimprovero, assai amara, al G. Oriente ma con ci la faccenda si concluse.

La contestata Loggia St. Napolon continu ad esistere e presto divent la Loggia pi importante di Genova. Il primo Venerabile fu Pouyer (Commissario di Marina), seguito, nel 1807 dall'avvocato italiano Tanlongo. Durante l'ufficio di questo ultimo, la Loggia cre anche un Capitolo del Rito Moderno. Il 4 luglio 1808 la Loggia approv il proprio Regolamento (1), composto da 470 Articoli, in lingua francese. Furono stampati 250 esemplari, dal tipografo (Fr.) Giacinto Bonaudo (Piazza delle Vigne). Dall'art. 414 risulta che il costo della iniziazione era: Fr. 120. - (l), Fr. 30. (2), Fr. 50. (3), mentre la quota annuale era di Fr. 3.50.

Dalle firme sul Regolamento risulta che a quel momento alcuni ufficiali e membri erano: Assolino (1 S.), E. Baldi [Batti ?], SPR (2 S.), Menici (Orat), Rezza RT (Segr.), Pasio, Rolandelli, G. Bonaudi (tipografo).

Inoltre, di questa Loggia sono conosciuti 2 stampati, di una importanza relativa, ed esattamente: il verbale della festa patronale dell'Ordine (S. Giovanni d'inverno) del 27 dicembre 1812 (2), ed una poesia, intitolata La Maonnerie regarde comme la plus utile et la plus sublime de toutes les institutions humaines, recitata durante la festa di S. Giovanni d'Estate dell'anno 1812 (4).

Le 4 Logge discusse finora appartenevano tutte al Rito Moderno (o Rito Francese) del G. Oriente di

Francia, mentre non vi traccia dell'esistenza del Rito Scozzese Antico ed Accettato, cos forte nel Regno d'Italia e nel Regno di Napoli. Fu, per, risuscitata una Loggia S. ]ean des Vrais Amis Runis, costituita la prima volta nel 1787 da parte della Mre Loge de Marseille, accanita concorrente del G. Oriente di Francia, la quale aveva ripreso i suoi lavori nel 1801, assumendo la denominazione di Mre Loge Ecossaise de France (da non confondere coll'omonima organizzazione del Rito Filosofico di Parigi). La L:. des Vrais Amis Runis non viene riportata sui Calendriers del G. Oriente (vedi nota bibliografica 5), probabilmente perch ricevette di nuovo una Costituzione da Marsiglia (non dal Rito Filosofico, e non nel 1811, come asserisce Le Bihan (7). Certo che, il 21 giugno 1810, la Loggia si affili al Rito Filosofico (6) e questo sembra essere tutto quello che si conosce di questa Loggia.

L'unica altra Loggia napoleonica nel territorio ligure, menzionata nei Calendriers del G. Oriente, la L. S. Jean des Apennins di Chiavari, costituita il 25 giugno 1806. Venerabile era il Fr. Mosselmann, un nome che fa pensare che si tratta di un Olandese o un Fiammingo.

In conclusione, dal verbale dell'installazione della L:.R:. Elisa all'O:. di Firenze in data 28 gennaio 1810 (9), risulta che quella Loggia era in rapporto con una R:.L:. La Nouvelle Runion di Savona, che noi non abbiamo potuto trovare negli elenchi del G. Oriente di Francia n su quelli del Rito Filosofico e della Mre Loge de Marseille. Probabilmente si trattava di una Loggia militare.

 

 

 

Del Capitolo

 

(1) Rglemens de la R:.L:. de St. Jean l'O:. de Gnes, rgulirement constitue sous le titre distinctif de S. Napolon. Gnes, Imprimerie dirige par le F:. H. Bonaudo, Place delle Vigne. S.d. ma 1808, pp. 131 + 4.

(2) Prcis des Travaux de la R:.:. Franco-Ecossaise de Saint Jean sous le tit dist de St. Napolon l'O:. de Gnes, l'occasion de la fte patronale de l'ordre le 27 jour du 10 mois de l'an de la V:.L:. 5812. Gnes, Impr. H. Bonaudo, in-12, 27 pp.

(3) Expos de la Conduite des RR:. LL:. de la Fille de la Paix, l'O:. de Gnes et des Vrais Amis de Napolon, l'O:. du 67 Rgiment d'Infanterie, l'occasion de l'installation de la L :. de S. Napolon, en instance, l'O:. de Gnes. Gnes, de l'Imprimerie d'Yves Gravier, 1807.

(4) La Maonnerie regarde comme la plus utile et la plus sublime de toutes les institutions humaines. Posie rcite la R:.:. de St Nap:. l'O:. de Gnes, le jour du 5 mois de l'an 5812, l'occasion de la clbration de la fte de St Jean d'Et. Gnes, de l'imprimerie du Fr Hyacinthe Bonaudo, S.d. ma 1812, in-12, 7 pp.

(5) Calendrier Maonnique l'usage des LL. de la correspondance du G:.O:. de France [vari anni].

(6) Annuaire Maonnique pour l'anne 1810 [1811, 1812, 1813, 1818].

(7) A. LE BIHAN, Loges et Chapitres de la Grande Loge et du Grand Orient de France, Paris 1967.

(8) ED STOLPER, Contributo allo studio della Massoneria italiana nell'era napoleonica, parte II, in R:..M. 1977, pp. 215-237.

(9) ED STOLPER, idem, parte III, in R:..M., 1977, pp. 399-424.