"La Battaglia"

Anonimo italiano secolo XIV

 

 

Quando un uomo Ŕ Massone?

Quando riesce a guardare i fiumi, le colline, l'orizzonte lontano, con il senso profondo della propria piccolezza, nell'immenso schema delle cose, e cionondimeno avere fede, speranza e coraggio.

 

Quando sa che nell'intimo del cuore ogni uomo Ŕ tanto nobile, spregevole, divino, diabolico, solo, quant'Ŕ lui...

Quando ama i fiori e va a caccia d'uccelli senz'armi; quando il fremito d'una gioia a lungo dimenticata l'assale, allorchÚ ode il riso d'un bimbo...

 

Quando scopre il bene in ogni fede che afferra le realtÓ superiori e addita significati maestosi nella vita...

Quando il suo sguardo penetra in una pozzanghera ai margini della via, e sa scorgere qualcosa oltre la melma...

 

Quando ha tenuto fede a se stesso, al suo prossimo, al suo Dio; nella mano una spada per il male, nel cuore la strofetta di una canzone: felice di vivere, ma non timoroso di morire!

 

In quell'uomo - non importa se ricco o povero, dotto o ignorante, famoso od oscuro - la Massoneria ha operato il suo dolce ministero.

Quell'uomo ha trovato l'unico vero segreto della Massoneria, quello ch'essa cerca di dispensare a tutto il mondo.